Archivi Annuali: 2009

PESTO E PATÈ BIO ALCE NERO LA FORZA DEL SAPORE IN TAVOLA TUTTO L’ANNO

Una dispensa con i più gustosi sapori delle verdure italiane, per ricette pronte ad esaltare paste e crostini. Alce Nero propone una nuova ed ampia gamma composta da tre patè e quattro pesti, tutti realizzati con verdure fresche coltivate in Italia secondo i criteri dell’agricoltura biologica, raccolte al pieno della loro maturazione. I vasetti in vetro, da 190 grammi, ne garantiscono la conservazione ottimale.

Il Patè di olive nere è ottenuto esclusivamente da olive della cultivar peranzana, mentre  quello di olive verdi, è realizzato con la cultivar nocellara. Entrambe le produzioni di olive   provengono da coltivazioni delle campagne foggiane. La ricetta è molto semplice, proprio per esaltare il sapore delle olive: ad esse infatti viene aggiunto solo un pregiato olio extravergine di olive e piccole quantità di erbe aromatiche e spezie.

Gusto deciso, poi, per il Patè di peperoni, che miscela sapientemente i saporiti peperoni con il profumo dell’olio extravergine d’oliva spremuto a freddo, per spalmare su pane e crostini i colori e i sapori delle coltivazioni biologiche del sud del nostro paese, ottimo anche come condimento per la pasta. Alce Nero propone poi il Pesto di carciofi, nel quale olio extravergine d’oliva italiano e formaggio parmigiano reggiano si sposano sapientemente con i carciofi coltivati nelle aree più vocate del sud d’Italia. E’ ottimo per condire la pasta integrale.

Nel Pesto rosso si esalta invece il gusto intenso dei pomodori secchi che vengono accostati ai sapori decisi dell’olio extravergine d’oliva, del formaggio parmigiano reggiano e del pecorino romano.

Dal gusto decisamente delicato, invece, il Pesto alle zucchine. Ideale per condire un piatto di pasta, riporta in tavola tutto l’anno il profumo delle raccolte estive. È realizzato con olio extravergine d’oliva, formaggio parmigiano reggiano, prezzemolo, succo di limone, sale, basilico, aglio, cipolla e spezie. Completa la gamma lo storico Pesto alla genovese, ottenuto dalla lavorazione di basilico ligure fresco.

Per informazioni: Alce Nero, via Idice 299 – 40050 Monterenzio (BO) – tel. 051 6540211 –www.alcenero.it

UFFICIO STAMPA

Koiné Comunicazione    tel. 0422 460836 / 0445 1888703

Mariagrazia Bonollo      mob. 348 2202662

koine@koinecomunicazione.it

grazia@koinecomunicazione.it

PER CHI VIVE UN LUTTO TRE NUOVI GRUPPI E UN TELEFONO APERTO ANCHE DURANTE LE FESTE


Tre proposte di vicinanza per persone vedove in giovane età, per genitori che hanno perso un figlio e peri  familiari di persone che si sono suicidate.

Nei momenti di festa, quando fuori sembra che tutto luccichi e che regni solo la gioia, chi ha perso una persona cara sente ancora di più il vuoto lasciato da chi non c’è più. Per questo la Caritas diocesana tiene aperto un canale telefonico al quale sarà possibile rivolgersi, 24 ore su 24, il 24, 25, 31 dicembre 2009 e il 1 Gennaio 2010: il numero è il 348-7666528. Quando si sta passando un momento difficile, infatti, le Feste il più delle volte riacutizzano il dolore, fanno sentire più soli, isolati, non compresi.

(altro…)

PERSONALE ADDETTO ALLA RACCOLTA DEL SANGUE CORDONALE AL PARTO: LUNEDI’ 21 DICEMBRE A NAPOLI IL CORSO NAZIONALE PER OSTETRICHE E VOLONATRI DEL CENTRO ITALIA

La formazione affianca la campagna di informazione sulla donazione promossa da ADoCeS e FNCO: al Centro e al Sud le donne che donano sono il 30% rispetto a quelle del solo Nord. Le staminali contenute nel cordone risultano preziose per la cura di gravi malattie emopoietiche.

Si svolgerà lunedì 21 dicembre presso la Seconda Università degli Studi di Napoli (Complesso S. Andrea delle Dame – Aula Donadelli, via Costantinopoli 16) il corso di formazione nazionale gratuito per ostetriche e volontari promosso da  FNCO (Federazione Nazionale Consigli Ostetriche) e da  ADoCeS (Associazione Donatori Cellule Staminali) con il sostegno finanziario del MO.VI. (Movimento del volontariato italiano), con l’obiettivo di uniformare e omogeneizzare le prassi di raccolta del sangue cordonale donato dalle partorienti. Il corso è punto di riferimento per il personale addetto alla raccolta di tutto il Centro Italia e le richieste di partecipazione pervenute, ben al di sopra dei 35 posti disponibili, dimostrano che il mondo professionale e del volontariato, particolarmente attento all’evoluzione tecnico – scientifica, sa accogliere i bisogni della popolazione e si adopera per tradurli in operatività concreta.

Il corso di Napoli è l’ultimo dei tre corsi nazionali organizzati nel 2009, i primi due si sono svolti a Venezia lo scorso 18 settembre per il personale del Nord e a Reggio Calabria il 15 ottobre per il personale del Sud: scopo di tali appuntamenti è porre le basi affinché diventi possibile erogare prestazioni di alta qualità, in grado di garantire la sicurezza e il buon fine dei trapianti secondo modalità condivise in tutto il territorio.

Tali occasioni formative affiancano la campagna di informazione “Le cellule staminali cordonali: risorsa biologica per l’intera umanità”, volta a sensibilizzare operatori e genitori sulla possibilità di donare il sangue cordonale (scelta importante perché in esso sono contenute preziose cellule staminali, utilizzate nella cura di gravi patologie, a cominciare dalle leucemie).

La campagna, tenuta a battesimo lo scorso luglio dal Sottosegretario alla Salute On. Eugenia Roccella, consta di materiali informativi gratuiti, disponibili in tutti i consultori e reparti Maternità dallo scorso settembre e rivolti sia ai futuri genitori sia al personale addetto alla raccolta. Tali materiali sono stati recentemente inviati a tutti i coordinatori e presidenti dei corsi di Laurea in Ostetricia delle università italiane, quali strumenti utili per l’aggiornamento, la promozione e il sostegno alla donazione del sangue cordonale.

In particolare, al Centro e al Sud la campagna ed i corsi assumono una connotazione particolarmente importante: in tali regioni, infatti, le unità di sangue cordonale bancate nel 2008 risultano essere un terzo di quelle del solo Nord (Sud: 1.487 – Centro: 3.574; Nord: 15.162; totale 20.223). E’ dunque indispensabile che proprio al Centro e al Sud si faccia una informazione chiara e capillare e che le madri che decidano di intraprendere la via della donazione al momento del parto trovino dall’altra parte personale preparato ad accogliere e a conservare correttamente il sangue ricco di staminali.

“L’auspicio – spiegano Alice Bandiera, vice presidente ADoCeS, e Miriam Guana, presidente FNCO - è che partendo da una visione comune, le varie realtà operative (istituzioni e volontariato) promuovano costantemente un aggiornamento che segua l’evoluzione tecnico-scientifica e normativa, permettendo performance di alta qualità secondo standard nazionali ed internazionali.

Il ruolo degli operatori, infine, è di primaria importanza anche nella sensibilizzazione alla donazione delle donne straniere, perché, a causa delle caratteristiche genetiche differenti dalle nostre (ogni popolazione ha le proprie),  spesso i connazionali che necessitano di trapianto non trovano donatori compatibili.

Alcuni dati

Oggi in Italia la donazione del cordone, atto volontario che può garantire sopravvivenza e guarigione a pazienti affetti da gravi patologie, avviene in meno del 10% dei parti. Nel 2008 solo in Italia sono stati effettuati 140 trapianti di cellule staminali emopoietiche, in aumento rispetto ai 103 del 2007, a beneficio di pazienti che non avevano in famiglia un donatore compatibile. Tuttavia, secondo le indicazioni del Ministero della Salute, per ottenere una copertura ottimale delle caratteristiche genetiche, le circa 25.000 unità disponibili oggi nelle banche per la donazione solidale dovrebbero essere triplicate.

Le unità bancate e caratterizzate al 31.12.2008 nelle 19 biobanche pubbliche sono state:
Nord: 15.162
Centro: 3.574
Sud: 1.487
Totale: 20.223
Le unità rilasciate al 31.12.2008, invece, sono state:
Nord: 641
Centro: 116
Sud: 27
Totale: 784

Per informazioni: www.adoces.it, www.adocesfederazione.it, www.ostetricheitaliane.itwww.fnco.it

Ufficio stampa

Koiné Comunicazione – Ilaria Tonetto

Tel. 0422 465373 – cell. 348 8243386

koine@koinecomunicazione.it

AIM AIUTA LE PERSONE “VITTIME” DELLA CRISI ECONOMICA GRAZIE AD UNA CONVENZIONE CON DIAKONIA, L’ASSOCIAZIONE OPERATIVA DI CARITAS

Da qualche mese AIM Vicenza SpA ha aperto un canale di dialogo con la Caritas diocesana, tramite il suo braccio operativo, l’Associazione Diakonia Onlus di Vicenza. In seguito a numerosi incontri si è riscontrato un aumento dei casi di morosità legati a situazioni familiari compromesse dalla crisi economica contingente e dalla disoccupazione conseguente per diverse categorie di lavoratori vicentini e non solo. AIM ha analizzato finora 500 posizione di socialità, su 60mila Clienti morosi (dati di settembre).

AIM intende dare risposte concrete alle esigenze espresse da Caritas, canalizzando i contributi volontari erogati da quest’ultima ai casi di effettivo disagio economico temporaneo, legato a disoccupazione e inserimento nelle liste di mobilità provinciali.

(altro…)

ADVAR: AUGURI NATALIZI 2009 FIRMATI DA ORIO FRASSETTO

Privati e aziende per le prossime festività possono scegliere di sostenere l’associazione acquistando i biglietti augurali realizzati dal fotografo trevigiano

I biglietti augurali dell’Advar per le prossime feste natalizie, già disponibili e ordinabili presso la sede dell’associazione che presta assistenza domiciliare e in hospice a malati di cancro inguaribili, quest’anno sono totalmente nuovi. Nascono dalla collaborazione con il fotografo trevigiano Orio Frassetto, che con la sua maestria, nota a molti, ed una spiccata originalità ha saputo vedere sotto una luce diversa e rendere preziosi elementi semplici, appartenenti alla quotidianità. E’ ad esempio il caso di un presepe realizzato con gli involucri delle pannocchie, che posto sotto ad una luce azzurra che ne evidenzia le trasparenze, sembra di cristallo.

I biglietti di auguri Advar (visibili sul sito www.advar.it, ora rinnovato e reso più accattivante) si potranno trovare nelle bancarelle natalizie (a dicembre in piazzetta Aldo Moro a Treviso), presso la sede Advar di piazzale Pistoia 8 (tel. 0422/432603), oppure si possono ordinare scrivendo a info@advar.it.

Proposti per i privati ed in particolare per le aziende, i biglietti, che consentono di legare la propria immagine a contenuti di solidarietà territoriale, trasparente e  tangibile, può senz’altro rappresentare un valore aggiunto per le imprese del territorio.

Accanto ai biglietti, Advar propone di devolvere parte del budget natalizio destinato ai consueti doni con un’offerta all’associazione: per chi lo desideri, verranno preparate delle eleganti pergamene, con il logo dell’azienda, nominali per ogni destinatario, per informarlo della scelta fatta.

Per informazioni: Advar, p.le Pistoia 8, Treviso – tel. 0422 432603, email: info@advar.it, sito web www.advar.it.

Ufficio stampa Advar Onlus

Ilaria Tonetto
koiné comunicazione
tel. 0422 460836; cell. 348 8243386
koine@koinecomunicazione.it

Grande successo per la prima Giornata Nazionale del Miele

I consumatori hanno potuto apprezzare in tutta Italia decine di dolci regionali. Le ricette adesso parteciperanno al concorso “Dolce Miele”

Grande soddisfazione per lo svolgimento della prima Giornata Nazionale del Miele, che ha coinvolto ieri 7 dicembre in tutta Italia le pasticcerie dell’Accademia dei Maestri Pasticceri. Decine di dolci regionali a base di miele sono stati proposti ai clienti, che hanno potuto apprezzare le qualità e la versalità di un prodotto naturale come il miele, buono come dolcificante, come ingrediente della pasticceria o addirittura della gastronomia di qualità. Lo scorso 1 dicembre, infatti, la prima Giornata Nazionale del Miele, era stata presentata alla stampa al ristorante Passone, di Montevecchia (Lecco), con una cena tutta a base di ricette che contemplavano l’uso del miele.

Decine i dolci proposti per tutta la giornata del 7 dicembre. “La manifestazione è andata benissimo, il pubblico si è dimostrato molto interessato ai dolci che abbiamo presentato”, ha commentato Gino Fabbri, vicepresidente dell’Accademia dei Maestri Pasticceri Italiani. Fabbri, ad esempio, ha esordito con 2 proposte mignon: una torta/crostata con mousse di ricotta e miele e un interno di sfoglia sottile e cioccolato fondente; come seconda proposta un bicchierino di cioccolato con agrumi canditi, cioccolato bianco e miele.

Ecco invece altre proposte di alcune pasticcerie che hanno partecipato alla manifestazione organizzata dall’Accademia delle 5T, Mielizia e Accademia dei Maestri Pasticceri Italiani  con il patrocinio del Ministero delle Politiche Agricole e Forestali.

Salvatore De Riso, con pasticcerie a Minori (Salerno) e a Roma (in via Gallia), ha presentato la “Torta Villa Romana” dedicata appunto alla villa romana di Minori con gli ingredienti che erano usati nel I secolo dopo Cristo (tutto documentato), ovvero nocciole di Giffoni, pinoli, pere e albicocche secche, miele (di acacia e millefiori secondo la versione di De Riso).

Il maestro pasticcerie Salvatore Cappello di Palermo ha deliziato i suoi clienti con i “Rami di miele”, un biscotto preparato con pochissimo burro e miele d’arancia. Iginio Massari di Brescia (pasticceria Veneto) ha esordito alla Giornata Nazionale del Miele con il “Biscum”, un biscotto senza grasso e senza uova, con un po’ di farina di segale dolcificato con miele.

Paolo Sacchetti di Prato (pasticceria Nuovo Mondo) ha presentato “Giulebbe”, una sorta di panettone al miele (di acacia della Lunigiana) con fichi secchi di Carmignano e noci, con una glassa ai pinoli di Pisa.

Il dolce della pasticceria Comi, di Missaglia (Lecco) è invece un semifreddo al miele e lamponi: il semifreddo è a base di miele di Montevecchia di rosmarino, vino bianco e uova e viene proposto a strati con croccante, pan di spagna. Inoltre con un inserto gelatinizzato di confettura e liquore di lamponi.

Il Concorso “Dolce Miele”

Con le ricette della prima Giornata Nazionale del Miele le pasticcerie dell’Accademia dei Maestri Pasticceri Italiani parteciperanno al concorso “Dolce Miele” con la preparazione di ricette ad hoc, le quali verranno pubblicate sul sito internet www.giornatadelmiele.it e nel primo Ricettario del Miele, complete di informazioni e foto del dolce e sul pasticcere.

Gli organizzatori

La prima Giornata Nazionale del Miele ha il patrocinio del Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali ed è organizzata da: Accademia delle 5T, Mielizia, Accademia dei Maestri Pasticceri Italiani.

L’Accademia delle 5T è un movimento non-profit che aggrega oltre 400 imprese e artigiani del gusto in tutta Italia. Possono aderire solo quei produttori di eccellenze agroalimentari (miele, vino, salumi, formaggi, pasticceria, etc etc) che operano nel rispetto di un disciplinare interno, le 5T: Territorio, Tradizione, Tipicità, Tracciabilità e Trasparenza. L’Accademia delle 5T edita il bimestrale Sapori d’Italia, il portale www.sapori-italia.it, organizza decine di manifestazioni, tra queste il “Campionato Italiano del Salame” e il ristorante del SolGoloso al Vinitaly. Info www.accademia5t.it

Mielizia è il marchio che racchiude le migliori produzioni dei 600 produttori di Conapi, Consorzio Apicoltori e Agricoltori Biologici Italiani, che raccolgono mieli in tutte le regioni. Conapi, nato nel 1978, è oggi il più grande produttore di miele biologico del nostro Paese ed è una delle realtà più rappresentative e significative del mondo, producendo più del 20% del miele nazionale. Oltre a essere biologici certificati i mieli Mielizia non sono pastorizzati, ossia non sono stati sottoposti ad alcun trattamento termico e hanno la carta d’identità: oltre ai consigli d’uso in etichetta sono riportati il nome di chi l’ha raccolto e la data di raccolta. Inoltre garantiscono la completa tracciabilità di filiera dal fiore al vasetto. Le linee superiori di Mielizia sono i Mieli Biologici Italiani, provenienti dalle regioni più vocate, e il Miele della Mia Terra, selezioni speciali del lavoro di singoli apicoltori.

Info www.mielizia.it

L’Accademia Maestri Pasticceri Italiani rappresenta la sintesi della massima professionalità nell’ambito dell’alta pasticceria nazionale. L’Accademia nasce nel 1993 e accomuna l’esperienza di pasticceri che si distinguono per l’elevato apporto qualitativo e per le capacità artistiche applicate alla tradizione pasticcera italiana. L’Accademia promuove la crescita professionale dei pasticceri, lo sviluppo del dolce di qualità con particolare riferimento alla tradizione, la promozione dell’immagine dell’Alta Qualità nella pasticceria italiana, anche con l’uso di materie prime d’alto valore nutrizionale e qualitativo. Info www.ampiweb.it

Il commento del ministro delle Politiche Agricole, Luca Zaia, a margine della manifestazione: “Il miele è uno dei nostri prodotti migliori e l’apicoltura è un segmento essenziale dell’agricoltura – ha dichiarato Zaia – . Questa giornata è un omaggio doveroso al nostro miele, buono e naturale, alleato importante per la salute e la bellezza fisica, ed è un omaggio ai nostri 50 mila apicoltori, maestri d’eccellenza.  Le api – ha sottolineato ancora il Ministro Zaia – sono essenziali per l’intero pianeta e soprattutto per l’agricoltura. È bene ricordare che esse restano le migliori amiche dei contadini di tutto il mondo, perciò ne tuteleremo sempre la sopravvivenza e continueremo ad aiutare il comparto, che per noi rappresenta un settore fondamentale della nostra agricoltura”.

Ufficio stampa Accademia delle 5T

Massimiliano Rella – ufficiostampa@a5t.it

Mob. 347 8872490

Ufficio stampa Mielizia

mariagrazia bonollo – grazia@koinecomunicazione.it

mob. 348 2202662 – tel 0445 1888703